fisioterapista

Cosa fa un fisioterapista come riconoscerne la professionalità

Sai cosa fa un fisioterapista?

Ti sarà capitato più volte di avere bisogno di cure riabilitative, per qualsiasi tipo di motivo, ma sai davvero di cosa si occupa e cosa fa un fisioterapista ?

In molti non conoscono le patologie per le quali c’è bisogno del professionale apporto di un fisioterapista.

cosa-fa-un-fisioterapista-845x540 Cosa fa un fisioterapista come riconoscerne la professionalità

Dal classico mal di schiena al trauma sportivo, passando per le patologie neurologiche, infantili e respiratorie: gli ambiti della riabilitazione nei quali opera il fisioterapista sono molteplici anche se nella maggior parte dei casi i cittadini non ne sono al corrente. «Fare fisioterapia significa occuparsi di prevenzione, cura e riabilitazione nelle aree della motricità ma non solo»

I pazienti affetti da disturbi non solo muscolo-scheletrici ma anche neurologici e viscerali possono dunque, attraverso precise attività terapeutiche, mantenere o recuperare le funzionalità, sia dal punto di vista motorio sia cognitivo.

Chi si può rivolgere al fisioterapista?

Innanzitutto, tutte le persone che vogliono prevenire alcuni problemi muscolari e osteoarticolari, come ad esempio un mal di schiena o un dolore al tratto cervicale, o i disturbi legati all’invecchiamento.

In secondo luogo, si può ricorrere alla fisioterapia quando si ha la necessità di curare, ad esempio, disfunzioni muscolo- scheletriche, articolari o funzionali come quello temporomandibolari o della deglutizione. 

Infine, anche coloro che hanno bisogno di riabilitarsi dopo un trauma o una grave patologia, per recuperare il normale stato di salute o il massimo potenziale possibile.

fisioterapista-770x470 Cosa fa un fisioterapista come riconoscerne la professionalità

Pochi sanno che anche gli individui con malattia di Parkinson possono giovarsi di un programma fisioterapico per migliorare l’equilibrio e il cammino: In sinergia con la terapia farmacologica prescritta dal medico, il fisioterapista può aiutare il paziente a “ricostruire” i movimenti che, a causa della malattia, ha perso o danneggiato.

Il fisioterapista può aiutare anche nella riabilitazione delle patologie respiratorie in bambini, adulti e anziani e può intervenire nei casi di incontinenza: Spesso, nel periodo post-parto o dopo interventi all’utero o all’addome, possono verificarsi episodi di questo tipo.

Il fisioterapista aiuta, mediante degli esercizi specifici del pavimento pelvico, a ricostruire quell’equilibrio funzionale e muscolare che aiuta la tenuta della parete addominale e della vescica e il rilascio su comando.

Come facciamo, però, a verificare la serietà del medico a cui ci stiamo rivolgendo?

Bisogna assicurarsi che il fisioterapista sia in possesso della Laurea in Fisioterapia o abbia titoli equipollenti che determinino la sua abilitazione.

Generalmente un professionista partecipa poi ai corsi di aggiornamento secondo il sistema Educazione Continua in Medicina (ECM). Potremmo anche verificare l’iscrizione ad AIFI, che costituisce un ulteriore elemento di conferma che stiamo trattando con un fisioterapista qualificato (anche se l’iscrizione non è obbligatoria).

Infine, il fisioterapista professionista rilascia la ricevuta di pagamento che non è soggetta a Iva perché si tratta prestazione sanitaria.

 

 

FisioParthenope

FisioParthenope - Fisioterapia e Riabilitazione - Napoli at FisioParthenope
Il Centro professionale Fisioparthenope è un punto di riferimento per la Fisioterapia a Napoli.
Offre servizidi rieducazione neurologica ortopedica – respiratoria – pre-post chirurgica – sportiva rivolgendoci alle esigenze di ogni paziente – che sia adulto, bambino, anziano o uno sportivo.
E’ specializzato in molteplici trattamenti di fisioterapia, che prevedono terapie manuali e strumentali, adatte alla riabilitazione ortopedica (pre o post infortunio),alla cura di disfunzioni muscolo-scheletriche, legate a cattive abitudini posturali e a patologie degenerative.
logo-156x64 Cosa fa un fisioterapista come riconoscerne la professionalità
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *